PRESS

Opinioni, segnalazioni, approfondimenti e curiosità. La stampa locale e di settore racconta il museo

All jewelry & images by Leda Siliprandi 

© 2015 by Emma Partesotti

© 2018 by Marco Partesotti - WEBMASTER email

IL MUSEO

“Non vale un bottone!”

Chi ha coniato questa esclamazione era certamente uno che i bottoni li portava di legno o di ferro, di stagno o di osso; perché le persone di classe sociale elevata, a partire dall’alto Medioevo, usavano bottoni d’argento e d’oro se non con brillanti, perle e pietre preziose...  

 

Tolti di mezzo i bottoni di simile calibro, per i normali collezionisti ne è rimasta una miriade: con strass e borchie d’acciaio, pasta di vetro nera, le murrine, il micromosaico... Il collezionismo dei bottoni è molto diffuso fin dall’800 negli Stati Uniti, in Giappone, in Inghilterra, Francia e in altri Paesi europei dove si trovano grandi musei e raccolte private aperte al pubblico. In Italia i collezionisti sono abbastanza rari e così i musei dedicati, anche se qualche raccolta storica è visibile in diversi musei di Arti Decorative.

Ora a questi si aggiunge il MUSEO STORICO DEL BOTTONE di Vigorovea, inserito nel CIRCUITO WIGWAM.

 

Il museo accoglie parte di una collezione che frutto trentennale con 3.500 esemplari provenienti sia dall'Italia che da molti altri Paesi, specialmente Francia, Inghilterra, Stati Uniti, che coprono un periodo storico tra il XVII° secolo ed il 1970.

I bottoni esposti sono corredati da spiegazioni e immagini e la curatrice potrà approfondire ancora più caratteristiche e storie, anche romantiche

La REGIONE VENETO nel 2017 ha dichiarato il Museo sito di "INTERESSE LOCALE PER IL VALORE CULTURALE DELLE COLLEZIONI" dopo i riconoscimenti già avuti dalla provincia di Padova e dal Comune di Sant'Angelo di Piove di Sacco.

 

IL MUSEO STORICO DEL BOTTONE è dedicato al figlio scomparso della fondatrice Sandro Partesotti,

è allestito a VIGOROVEA (PD), e aperto ai visitatori gratuitamente su appuntamento:

vedi la pagina CONTATTI.

Affiancano la Collezione di bottoni delle originali creazioni della curatrice che usa principalmente vecchi bottoni per fare accessori, arazzi e decorazioni ed una collezione di vetri e ceramiche dell'800 e 900.